shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

Emozione a non finire. Per quello domenica saremo sugli spalti

Il derby tra Pistoiese e Prato richiama alle suggestioni e ai ricordi. E non è mai una partita come le altre. È molto importante, anzi fondamentale “esserci” e respirare le emozioni. Prova ne sia che domenica allo stadio anche gli ultimi due ex sindaci di Pistoia, Lido Scarpetti e Renzo Berti, tra l’altro entrambi in gioventù erano promettenti calciatori, saranno sugli spalti a sostenere gli arancioni. 1862251-lido_scarpettiDice Scarpetti: “tifo da sempre i colori della città e amo la Pistoiese. Da sindaco non ho mai avuto il piacere di vivere un derby, perché all’epoca del mio mandato le due squadre giocavano in categorie differenti, ma ho vissuto queste sfide da tifoso e sono sempre state grandi emozioni. La rivalità tra le due città non è solo sportiva, ma affonda le radici in tempi lontani. Il derby è tornato l’anno scorso dopo tanti anni e la tradizione è ricominciata. Queste sfide, a mio avviso, devono essere soprattutto occasione di partecipazione e di amicizia, nonché eventi sportivi sicuramente da non perdere. Domenica ci sarò!”. 00-Renzo-Berti-ex-sindaco-di-PistoiaPer Renzo Berti il ricordo è anche sofferenza, che al pari della fatica, è il sale dello sport. “Ho vissuto tanti derby da tifoso e da sindaco. Ricordo grandi gioie e anche delusioni. In ogni caso è sempre valso la vena vivere questa sfida, a prescindere dallo stato d’animo che possa suscitare. La bellezza dello sport sta anche in questo. Purtroppo proprio quando ero sindaco ho vissuto anche una esperienza difficile, proprio in occasione di un derby a Pistoia. Ci fu forse un errore organizzativo, fatto sta che i tifosi del Prato furono fatti transitare per le vie del centro e qualcuno ne approfittò per commettere atti vandalici. Fu una esperienza senz’altro negativa, che comunque servì a farci successivamente affrontare queste sfide con un approccio differente e cercare laddove sia possibile, farle diventare occasione di incontro e condivisione, al di là dell’aspetto agonistico che è bene resti, con tutto il suo fascino. Domenica sarò a vedere la partita e ad incitare la Pistoiese, a soffrire e sperando infine di gioie per un risultato che è molto importante, sia per la classifica che per il prestigio”.