News

I calciatori della prima squadra in campo con Esordienti e Pulcini

È stata una serata speciale, quella di ieri per i ragazzi della Scuola Calcio dell’Us Pistoiese 1921 (Esordienti 2006 e 2007, Pulcini 2008 e 2009), che hanno incontrato, nel corso dell’allenamento al Centro sportivo Breda, alcuni loro idoli che vestono la maglia arancione in prima squadra: Andrea Zaccagno, Danilo Quaranta e Franco Ferrari. I tre giocatori, molto divertiti dall’insolito incontro, hanno seguito l’allenamento dei ragazzi esprimendo giudizi sinceramente positivi nei loro confronti, sia per la serietà con la quale si stavano allenando, che per il livello tecnico raggiunto. E c’è stata infine l’occasione per mostrare ai baby calciatori qualche “trucco” del mestiere. Da parte loro, i bambini si sono dimostrati attenti alle raccomandazioni dei tecnici, tese a far emergere che l’applicazione e la disciplina sono valori anche nell’età del divertimento e della spensieratezza. Tutto ciò è accaduto ieri nelle varie aree del Centro sportivo Breda, complesso in cui si allenano da quest’anno i più piccoli fra i giocatori del vivaio arancione.

Il coordinatore del Settore giovanile della Pistoiese, Alessandro Borri, ha avuto parole di elogio e soddisfazione nei confronti della struttura che li ospita: “Il luogo è ideale, sia sul piano logistico, vicino all’uscita dell’autostrada, a due passi dalla stazione e nei pressi del centro cittadino, che strutturale: un campo in erba naturale, due campetti, un pallone per l’attività indoor e molto altro”.  La scelta del Circolo Aziendale Breda si è rivelata azzeccata, e si mira ad un accordo in continuità per gli anni a venire. “L’obiettivo – dice Borri – della Pistoiese è infatti quello di rinforzare la Scuola Calcio, che già conta su tecnici molto qualificati, oltre che svolgere molte iniziative nelle scuole cittadine per spiegare ai ragazzi pistoiesi quanto sia importante vestire la maglia arancione”. Gli incontri tra i giocatori della prima squadra e i calciatori della Scuola Calcio US Pistoiese 1921 saranno ripetuti nel futuro, anche per marcare l’importanza del collegamento tra l’attività di base e quella del calcio professionistico. “Il rafforzamento della Scuola Calcio – conclude Borri – prevede l’inserimento di altri istruttori sempre più qualificati e intanto si stanno già vedendo anche i risultati sul piano sportivo, con i successi in vari ed importanti tornei disputati dai nostri ragazzi”.