shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

Corrado Colombo: uomo squadra e uomo immagine

Corrado-ColomboSarà Corrado Colombo l’uomo guida della Pistoiese del futuro prossimo venturo e probabilmente anche più lungo. Intanto giocherà ancora per portare in alto la Pistoiese, ad una età, 37 anni, molto simile a quella che aveva una leggenda del calcio arancione quando sposò la causa: Mario Frustalupi. Sarà la chioccia per i giocatori più giovani, ma anche un modello per i bambini pistoiesi che si avvicinano al calcio. “Mi impegnerò affinchè la maglia arancione per i bimbi pistoiesi sia un sogno da realizzare” – ha detto in conferenza stampa. E parole importanti le ha volute spendere anche un uomo non facile ai complimenti, Nelso Ricci: “Sulle sue qualità calcistiche non ho mai avuto dubbi, ma sono interessanti anche altre cose che riguardano Corrado Colombo” – ha affermato il diesse. “E’ felicemente sposato a Pistoia con una donna molto attiva e che tutti i calciatori avrebbero voluto sposare, quindi la sente come la sua città. La Pistoiese riparte da Colombo, anche perchè in questi sei mesi ho trovato una persona che mi aiutato molto, sia in campo che nello spogliatoio. L’ho visto motivatissimo ed in tre minuti abbiamo raggiunto un accordo economico; il prossimo anno deciderà cosa fare, ma se un giocatore ha entusiasmo e voglia, personalmente gli consiglio sempre di continuare”. 

Colombo è ormai l’uomo immagine di una Pistoiese che progetta in grande e guarda ad un futuro di sensibile crescita su vari fronti, a partire dai progetti sui giovani. Oltre che come testimonial al camp estivo che partirà tra pochi giorni, Colombo si è reso disponibile per tante iniziative, anche sul piano sociale e non è difficile ricordarlo come capitano dell’Associazione We Love Anastasia, attivissima sul territorio pistoiese.

Parole di elogio le ha espresse anche il presidente Orazio Ferrari che, raggiante, ha detto: “Sono molto rallegrato che Corrado faccia parte della Pistoiese del prossimo anno, perchè ha dimostrato di possedere grandi qualità tecniche e grande attaccamento alla maglia. E questo è fondamentale affinchè un giocatore possa rendere al meglio. Per noi è un punto di riferimento, una sorta di professore per i giovani che verranno. Da lui ripartiamo. Abbiamo preso un allenatore esperto e di primissimo livello e confermato Colombo, perchè i tifosi meritano un bel campionato e una annata finalmente tranquilla”.

Colombo, freddo nei modi, ma visibilmente soddisfatto, ha tenuto soprattutto a ringraziare il presidente e il direttore sportivo per le parole espresse nei suoi confronti e di sua moglie Giada, che tra l’altro è la titolare dell’azienda che gestisce la parte ludica dell’Orange Summer Camp.

Poi spiega: “Dopo la partita col Pisa ero “cotto” fisicamente ed emotivamente, ma col passare dei giorni è tornato l’entusiasmo e la voglia di continuare. Ci abbiamo davvero messo tre minuti a trovare un accordo, anche perchè per me il calcio è divertimento; avrò maggiori responsabilità essendo chiamato a fare la chioccia di tanti giovani, ma le responsabilità mi caricano molto e non vedo l’ora di arrivare al 18 luglio per iniziare la preparazione. Come testimonial al camp estivo cercherò di trasmettere ai bambini le emozioni. Vorrei che i bambini capissero quanto possa essere importante vestire la maglia della Pistoiese”. Poi un accenno all’allenatore: “Con Remondina ho già lavorato, è un uomo molto esperto e concreto, reduce da una stagione strepitosa alla Carrarese, nonostante i problemi societari degli apuani. Puntiamo a disputare un campionato migliore di quello dell’anno scorso”.

Sulla squadra che verrà le anticipazioni arrivano dal diesse Ricci: proveremo a tenere Rovini, Sammartino e Proia, tre giovani a fine prestito che ci sono piaciuti, poi abbiamo i giocatori sotto contratto. Il mercato vero inizierà il primo luglio, ma in questi giorni, con Alec Bolla (il responsabile dell’area tecnica) lavoriamo una infinità di ore tutti i giorni” – chiosa il diesse.