shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

La Pistoiese lavora per la crescita

La Us Pistoiese 1921, in merito alle notizie apparse sui media locali, circa le dichiarazioni rilasciate dal nostro direttore tecnico Raffaele Pinzani, nel corso della breve intervista rilasciata alla Rai nell’intervallo della gara interna con il Siena di lunedì scorso 25/02/19, ribadisce piena e assoluta fiducia nella sua persona e nel suo operato. Nel merito delle dichiarazioni la Società non riscontra elementi che possano portare discredito all’immagine di Pistoia visto che tutte le società di Serie C hanno fra le loro fila calciatori provenienti da società di Serie A e B. Il direttore ha espresso un concetto, ovvero che la crescita e valorizzazione di giovani calciatori provenienti da Società di A e di B è una delle mission dei club di Lega Pro. La storia di tanti giovani talenti valorizzati negli anni scorsi dall’esperienza alla Pistoiese conferma la bontà del lavoro svolto e il credito che la Pistoiese ha maturato con società importanti del mondo professionistico italiano. Va anche aggiunto che Pinzani
ha fatto, nel corso dell’intervista, riferimento a più società con le quali la Us Pistoiese intrattiene rapporti di questo tipo: Milan, Atalanta, Inter, Roma, nonché Empoli. Nulla quindi ha a che fare con l’essere succursale di
qualcuno, tantomeno dell’Empoli. Per dare una lettura ancora più ampia e di sistema alle parole del Direttore, basti pensare che, se le società di Serie C non svolgessero questo importante compito a favore delle società più importanti (evidentemente non lo stiamo facendo abbastanza come Lega), si favorirebbe inevitabilmente ciò
che la gran parte dei club di Serie C e i suoi tifosi stanno osteggiando. La
strada verso un campionato Professionistico costituito in gran parte dalle squadre B dei club di categoria superiorie sarebbe, in tal caso, più che in discesa, relegando gli attuali club di serie C ad un ruolo marginale o ancor peggio nei dilettanti. Siamo quindi dispiaciuti per l’interpretazione scaturita dalle dichiarazioni rilasciate da Pinzani, ma sicuramente convinti che, alla luce di quanto precisato, l’oggetto del risentimento possa essere rivisto e rivalutato.