shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

Una bella Pistoiese supera il Rimini. E fa un balzo in classifica (1-0)

Lo scontro diretto tra Pistoiese e Rimini si conclude con il meritato successo degli uomini di Alvini per 1-0. Gli arancioni conquistano tre punti pesantissimi e continuano la bella rimonta in classifica. Match-winner è di nuovo Emanuele Rovini (al quinto goal stagionale), che stavolta risolve con un magistrale calcio di punizione al 51′. Il tiro dell’attaccante da quasi trenta metri è di quelli d’autore. Si tratta infatti della “maledetta” o “con le tre dita”: la palla spiove e si abbassa all’improvviso beffando il portiere. “Un colpo provato e riprovato in allenamento” – ha dichiarato il bomberino arancione nel dopopartita. Quella che dalla tribuna poteva sembrare una “topica” del numero uno del Rimini, in realtà è stata un vero e proprio pezzo di bravura. Al di là della prodezza personale, sarebbe sbagliato non riconoscere i meriti del gruppo e dell’allenatore, che finalmente si sta godendo i frutti di tanti mesi di lavoro instancabile. La partita è stata vinta infatti in virtù degli ottimi fraseggi mostrati in tutto l’arco dell’incontro, dell’attenzione e dell’intensità palesata in tutte le zone del campo, della solidità dell’impianto. Mister Alvini presenta ancora una volta il sistema di gioco 4-3-1-2, con Iannarili in porta, Antonelli e D’Orazio esterni bassi, Dondoni e Priola centrali. A centrocampo: Damonte e Vassallo mezzali, Petriccione vertice basso e Gargiulo, trequartista, Colombo e Rovini di punta. Rispetto alla gara di Lucca, l’unica variazione riguarda Vassallo al posto di Mungo, che però giocò trequartista (Gargiulo mezzala). Un sistema gioco sempre meglio assimilato dalla squadra. Nel primo tempo si ammirano buone triangolazioni e efficaci giocate di prima, oltrechè ottimi scambi e sovrapposizioni, in particolare tra D’Orazio e Vassallo sull’out sinistro. Tutto questo nonostante il terreno di gioco inzuppato dalla pioggia, che batterà ininterrotta per tutta la partita e l’atteggiamento guardingo del Rimini, talvolta anche con undici uomini dietro la linea del pallone, per ripartire in contropiede. Le occasioni da rete non sono dunque fioccate, ma la Pistoiese ha costruito nella prima frazione almeno quattro nitide palle-goal, tutte con Rovini: al 6′ di testa su servizio di Damonte (il centrocampista si renderà poi protagonista di un’ottima partita), 8′ con un tiro dalla distanza parato in tuffo, al 15′ con un salvataggio di piede del portiere, al 30′ con un gran tiro che sfiora l’incrocio dei pali.

Nella ripresa pronti via e quasi subito la partita si sblocca con il gran goal di Rovini al 6′. Gargiulo conquista una punizione sulla trequarti, Rovini decide di tentare il tiro dalla distanza. La traiettoria della palla è velenosa e cambia il destino della partita: 1-0 per gli arancioni. Poi la Pistoiese controlla la partita senza affanni. Il Rimini finalmente esce dal guscio, e la Pistoiese ha più spazi per la propria manovra. La squadra romagnola riesce a ottenere solo qualche calcio d’angolo, mentre gli arancioni hanno varie occasioni per raddoppiare con Anastasi e Rovini. Il Rimini si rende pericoloso in una sola circostanza (81′) con il debuttante Mancino, che approfitta di una scivolone di Antonelli e con un tiro a giro colpisce clamorosamente la traversa.

La partita finisce al 94′, i giocatori della Pistoiese stremati, ma felici raggiungono gli spogliatoi, consci che ci saranno ancora tante battaglie da combattere. E che con questo cuore sarà meno difficile superarle. E per dare un’idea di cosa significhi il cuore, l’esempio è quello di Colombo e Damonte. L’attaccante ha giocato con la febbre, vomitando prima e dopo la partita, non mollando di un millimetro fino alla sua uscita dal campo avvenuta al 71′; il centrocampista ha avuto la febbre per tutta la settimana, ha voluto giocare a tutti i costi e in campo è stato tra i più tenaci.

IL TABELLINO

PISTOIESE (4-3-1-2): Iannarilli, Antonelli, Priola, Dondoni, D’Orazio, Damonte, Petriccione (88′ Pasini), Vassallo, Gargiulo (61′ Mungo), Rovini, Colombo (71′ Anastasi). A disp: Marchegiani, Lanini, Di Bari, Sammartino, Proia, Sinigaglia, Romiti. All.: Alvini

RIMINI (4-3-3): Anacoura, Pedrelli, Signorini, Martinelli, Varutti, Puccio (59′ Leonetti), Esposito, Carcuro, Albertini (46′ Bariti), Polidori, Di Molfetta (66′ Mancino). A disp: Ferrari, Todisco, Lasicki, Marin, Kumih, Fall. All.: Acori.

ARBITRO: De Remigis di Teramo

RETE: 51′ Rovini

NOTE: Spettatori: 1.200. Ammoniti Pedrelli (R), Dondoni (P), Signorini (R), Puccio (R), Damonte (P). Recupero: 1′ e 4′. Corner: 3-4 Rimini.