Stadio

Lo stadio comunale Marcello Melani il 6 dicembre 2006 fu intitolato a Marcello Melani, presidente della Pistoiese dal 1974 al 1984, scomparso il 29 marzo del 2002 che durante la sua presidenza agli orange fece raggiungere l’unica promozione in Serie A. Dall’ottobre 2013, poi, campeggia difronte alla gradinata la scritta Vannucci Piante Stadium dal main sponsor dell’Us Pistoiese 1921 e quale vessillo della città delle piante. Lo stadio fu inaugurato il 25 giugno 1966. L’Us Pistoiese era già in vacanza. Fu perciò organizzata un’amichevole di lusso: Vasco da Gama di Rio de Janeiro – Rappresentativa Toscana. Ciò avvenne in funzione degli ottimi rapporti tra la nazione sudamericana e la città di Pistoia, che ospita in località San Rocco il cimitero monumentale dedicato ai militari brasiliani caduti nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Non a caso anni prima, più precisamente nel 1960, giunse in visita a Pistoia incontrando i giocatori della Pistoiese, il più grande calciatore di tutti i tempi ed all’epoca stella nascente carioca: Edison Arantes do Nascimento, detto Pelè. La prima partita della Pistoiese su questo terreno fu disputata il 7 settembre 1966 in occasione di un’altra amichevole: Pistoiese – Krusevac, città serba dell’allora federazione jugoslava, gemellata con Pistoia. Inizialmente e per molti anni lo stadio ebbe solo due tribune: laterale e gradinata. Solo nel 1980 in occasione della promozione in serie A degli arancioni sorsero le due curve: la Nord nella forma attuale, la “Sud” in tubi Innocenti e di grandissime dimensioni. La capienza dello stadio all’epoca era di 34.000 posti. Nella stagione 80-81 si registrò il record assoluto di incasso per una sola gara: 100.000.000 di lire, in occasione della partita Pistoiese – Juventus. Nel tempo per motivi di sicurezza ed adeguamenti normativi la capienza si è molto ridotta. Per un periodo la “Sud” fu la curva della tifoseria arancione. Il complesso è stato smantellato e riedificato più volte. L’attuale struttura fu inaugurata lunedì 11 ottobre 1999 in occasione della partita Pistoiese – Empoli 2-0, posticipo televisivo di serie B, durante la presidenza di Luciano Bozzi. Le reti arancioni furono realizzate da Fioretti e Colombo. Il 6 dicembre 2006 con delibera dell’Amministrazione Comunale lo stadio fu intitolato a Marcello Melani, come ricorda una discreta targa in plexiglas collocata nei pressi della Tribuna Centrale. Alla cerimonia di intitolazione presieduta dal sindaco Renzo Berti partecipò il CT della Nazionale campione del Mondo, Marcello Lippi, ex calciatore ed allenatore della Pistoiese. Da calciatore Lippi fece parte della squadra che nel 1980 fu promossa in serie A. Melani, scomparso il 29 marzo 2002, fu presidente arancione dal 1974 al 1984 ed al termine della stagione 1979-80 ottenne la promozione nella massima categoria. Adesso la struttura risente dell’usura del tempo e necessità di importanti interventi di manutenzione straordinaria: nella stagione 2012-13, grazie anche all’impegno dell’ammistrazione comunale e la determinazione della Società, l’agibilità si è resa possibile con una drastica riduzione della capienza: 3.000 posti. Da notare che dal 1966 e fino all’estate scorsa esisteva un grande fossato per dividere il terreno di gioco dalla tribune, sia al lato gradinata, attualmente inagibile, sia dalla tribuna centrale. Proprio in questi giorni sono stati abbattuti i muri di recinzione e il fossato è stato riempito di terra ed adesso Pistoia è tra le poche città con uno stadio senza barriere coronando il sogno del presidente della Pistoiese Orazio Ferrari. Altrove si alzano i muri – ha detto qualcuno – e qui è successo l’esatto contrario

bannerstadio

Regolamento d'uso

STADIO COMUNALE “MARCELLO MELANI” DI PISTOIA

EX ART. 19 TER, COMMA 3°, LETTERA “C” D.M. 06/06/2005

L’accesso e la permanenza nell’area dello stadio sono espressamente soggetti all’implicita accettazione da parte dello spettatore del presente regolamento, delle leggi vigenti, delle normative emanate dalla Lega Nazionale Pro – F.I.G.C. e dalla autorità’ di pubblica sicurezza. Ai sensi del presente Regolamento d’Uso per impianto sportivo si intendono tutte le aree di pertinenza compresa l’area riservata esterna. L’accesso e la permanenza all’interno dell’impianto sportivo, a qualsiasi titolo, in occasione degli avvenimenti sportivi, sono regolati dal presente Regolamento e l’acquisto del titolo d’accesso ne comporta l’accettazione da parte dello spettatore che acquisisce diritto di assistere all’evento fermo rimanendo che l’uscita prima del termine dell’incontro non ne permettera’ il successivo rientro. L’inosservanza dello stesso comporterà l’immediata risoluzione del contratto di prestazione, con il conseguente allontanamento dallo stadio del contravventore, nonché l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro. Qualora il contravventore risulti già sanzionato, nella stessa stagione sportiva anche in un impianto diverso, per la medesima violazione del regolamento d’uso, la sanzione può essere aumentata sino alla metà del massimo e può essere comminato il divieto di accesso alle manifestazioni sportive. Per club si intende l’U.S. PISTOIESE 1921 e per evento si intende ogni partita che vi ha luogo. Ai sensi e per gli effetti degli art. 336 e 337 del c. p. gli steward, contraddistinti da casacca colorata gialla o arancione sono incaricati di un pubblico servizio e addetti al controllo dei titoli di accesso, all’istradamento degli spettatori e in generale ad assicurare il rispetto del regolamento d’uso dell’impianto.

Si rammenta che costituisce altresì reato: il travisamento, il possesso di armi proprie ed improprie, l’ostentazione di emblemi o simboli di associazioni che diffondano la discriminazione o la violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, l’incitazione alla violenza nel corso di competizioni agonistiche, il possesso, il lancio e l’utilizzo di materiale pericoloso ed artifici pirotecnici, lo scavalcamento di separatori e l’invasione di campo.

NORME GENERALI

1) L’accesso e la permanenza nello stadio sono consentiti solo ai possessori di idoneo titolo che dovrà essere conservato per tutta la durata dell’evento e mostrato in qualsiasi momento a richiesta del personale preposto. Allo spettatore è richiesto il possesso di un documento di identità valido da esibire a richiesta del personale di servizio o delle forze dell’ordine, per verificare la corrispondenza tra il titolare del tagliando ed il possessore dello stesso. Il titolo di accesso è personale e sarà rilasciato solo previa registrazione dei dati anagrafici dell’acquirente (cognome, nome e data di nascita) e non può essere ceduto a terzi senza autorizzazione del club che registrerà i dati del nuovo possessore; i tagliandi venduti illegalmente saranno confiscati.
2) Il club tratterà i dati sensibili sopra citati nel rispetto della normativa vigente sulla privacy (d.lgs. 196/2003) e quindi tutti coloro che acquistano abbonamenti e biglietti autorizzeranno automaticamente il trattamento dei loro dati personali precisando che il titolare del trattamento dei dati personali è il legale rappresentante del club Dott. Orazio FERRARI.
3) Lo spettatore ha il diritto-dovere di occupare il posto lui assegnato, e pertanto, con l’acquisto del titolo di accesso si impegna a non occupare posti differenti, seppur non utilizzati da altri soggetti.
Il titolo di accesso da diritto ad assistere all’evento. Chi intende uscire dallo stadio prima del termine dell’incontro non potrà farvi rientro
4) Per ragioni di ordine pubblico l’autorità di pubblica sicurezza o il club potranno limitare o interdire l’ingresso o la permanenza nello stadio anche a soggetti che dispongono del titolo di accesso. Non è consentito in nessun caso l’accesso nello stadio a persone soggette a diffida per atti di violenza sportiva.
5) Il club non risponde, salvo che il fatto non sia direttamente imputabile a suo fatto e colpa, per smarrimenti, incidenti o danni a persone o cose nello stadio e nelle aree limitrofe.
6) In caso di evento posposto o annullato il rimborso avverrà secondo quanto previsto dal contratto di acquisto del titolo di accesso. Il club non avrà nessun obbligo oltre a quello del rimborso del biglietto, né responsabilità, per qualsiasi titolo, ragione o azione. Il rimborso o la sostituzione del biglietto avrà luogo a fronte di presentazione dello stesso.
7) Lo spettatore può essere sottoposto, anche da parte degli steward ed a mezzo di metaldetector, a controlli finalizzati ad evitare l’introduzione di materiali illeciti, proibiti e/o pericolosi ed è tenuto a seguire le indicazioni fornite dagli steward.
8) L’autorità di pubblica sicurezza e gli incaricati del club hanno facoltà di sottoporre a controlli tutte le persone che intendono accedere o hanno avuto accesso allo stadio estensibili ai contenitori ed alle borse introdotte. L’accesso e la permanenza nello stadio saranno negati a chiunque rifiuterà di sottoporsi ai controlli da parte dell’autorità di pubblica sicurezza e dagli steward.

DIVIETI
9) I seguenti oggetti non devono essere introdotti o essere detenuti nello stadio:

• coltelli, pietre, materiali pirotecnici, fumogeni, trombe a gas, razzi a bengala, armi, oggetti pericolosi , stampelle fatte salve specifiche autorizzazioni ;
• raggi luminosi cd. luci laser ed altri oggetti che possano arrecare disturbo ovvero pericolo all’incolumità di tutti i soggetti presenti nell’impianto;
• bottiglie (compreso bottiglie in plastica/pet anche senza tappo), recipienti di vetro, lattine, veleni, sostanze nocive, materiale infiammabile o imbrattante, sostanze stupefacenti, bevande alcoliche, ombrelli ad eccezione di quelli di ridotte dimensioni e senza punte acuminate e/o metalliche ;
• tamburi, megafoni ed altri mezzi di diffusione sonora, aste, caschi;
• tutti gli oggetti atti ad offendere che possono essere usati come armi e/o essere pericolosi per l’incolumità pubblica e recare pericolo alla sicurezza dell’evento ovvero idonei ad essere lanciati compresi cinture con fibbie metalliche di rilevanti dimensioni ed altri accessori o ausili.
• svolgere qualsiasi attività commerciale non preventivamente autorizzata; distribuire qualsiasi tipologia di materiale , anche gratuitamente, senza il permesso del club .
Chiunque sarà trovato in possesso di tali materiali avrà l’accesso interdetto o sarà accompagnato all’uscita, fatti salvi provvedimenti di competenza dell’autorità giudiziaria e di quella di pubblica sicurezza.
10) Comportamenti minacciosi, violenti o linguaggi ingiuriosi sono severamente vietati e sanzionati penalmente e/o l’espulsione dallo stadio.

11) E’ vietato usare travestimenti che non permettano di distinguere il volto.
12) È vietato accedere e trattenersi all’interno dell’impianto in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope.
13) E’ vietato introdurre , somministrare o consumare all’interno dell’impianto bevande alcoliche di qualsiasi gradazione.
14) E’ vietato introdurre veicoli di qualsiasi genere all’interno dell’area circostante lo stadio ad eccezione degli spazi appositamente riservati.
15) E’ vietato introdurre animali con l’eccezione di cani guida o cani soccorritori.
16) E’ severamente vietato esternare insulti e/o cori razzisti, vessazioni di ogni genere nonché qualsiasi forma di discriminazione razziale, etnica o religiosa o altre manifestazioni di intolleranza con cori o esposizione di scritte ovvero altri atti offensivi che possono essere sanzionati con l’arresto e l’espulsione dello stadio.
17) E’ vietato introdurre o esporre striscioni, cartelli, stendardi orizzontali, bandiere, documenti, disegni, materiale stampato o scritto e striscioni contenenti propaganda a dottrine politiche, ideologiche o religiose, asserzioni o concetti che incitino all’odio razziale, etnico o religioso.
18) Esporre materiale che impedisca la visibilità di altri tifosi o della segnaletica di emergenza o comunque sia di ostacolo alle vie di esodo;
19) Tutti gli spettatori che entrano nello stadio non potranno muoversi da un settore all’altro salvo casi autorizzati dal club o dalle forze di polizia. Il settore destinato alla tifoseria ospite verrà utilizzato esclusivamente per quel fine, eccetto casi in cui il club, di comune accordo con le forze di polizia e le autorità locali, decida altrimenti.
20) Nessuno spettatore può stare in piedi quando il gioco è in corso.
21) E’ severamente vietato ostruire i passaggi, le scale, le uscite, gli ingressi, le vie di accesso e/o di esodo ed ogni altra via di fuga.
22) E’ severamente vietato arrampicarsi alle strutture dello stadio.
23) Durante la permanenza nello stadio gli spettatori devono seguire inderogabilmente le indicazioni del personale preposto alla sicurezza. Il mancato rispetto delle istruzioni può essere sanzionato con l’espulsione dallo stadio. L’eventuale condanna ovvero anche semplice denuncia per uno degli illeciti penali o amministrativi previsti dalla normativa sugli stadi, ovvero qualsiasi altra violazione di questo regolamento, comporterà, come ulteriore sanzione, la possibile adozione del divieto di accesso agli impianti sportivi (cd. daspo).
24) Chiunque abbia ricevuto una diffida o sia condannato da un tribunale per comportamento razzista o per violenze contro altri spettatori, ufficiali di gara o giocatori sarà interdetto all’accesso dello stadio per tutti gli eventi.
25) Chiunque nell’area circostante lo stadio o nel percorso di avvicinamento o allontanamento dallo stesso commetta in occasione di un evento atti criminali, può essere passibile di diffida all’accesso dello stadio da parte del club per tutti i futuri eventi.

MANIFESTAZIONI ESTERIORI: STRISCIONI – BANDIERE – COREOGRAFIE

26) Sarà possibile introdurre ed esporre striscioni contenenti scritte a sostegno della propria squadra inoltrando almeno sette giorni prima dello svolgimento della gara apposita istanza, anche mediante fax o e-mail alla società U.S. PISTOIESE 1921 indicando le proprie generalità e specificando:
• le dimensioni ed il materiale utilizzato per la realizzazione che dovrà essere rispondente alla normativa di prevenzione incendi;
• il contenuto e la grafica compendiati in apposita documentazione fotografica;
• il settore in cui verrà esposto;
• Analoga disciplina dovrà essere applicata per le bandiere (drappo attaccato per uno dei lati ad un’asta), fatte salve quelle riportanti solo i colori sociali della squadra e quella degli Stati rappresentati in campo.
• Per le coreografie, oltre a quanto sopra previsto, dovranno essere specificate le modalità ed i tempi di attuazione, significando che tale attività dovrà comunque terminare prima che inizi la gara.
• La società informerà il Dirigente del G.O.S. e l’Ufficio di Gabinetto del Questore, i quali, acquisito anche per le vie brevi il parere delle Amministrazioni interessate (Vigili del Fuoco e Capo degli Steward), provvederanno, non oltre i 5 giorni prima dello svolgimento dell’incontro, a concedere il proprio “nulla osta”, a condizione che:
• sia/siano identificato/i il/i richiedente/i dell’esposizione del materiale o della realizzazione della coreografia;
• all’interno del gruppo identificato del materiale non siano presenti una o più persone soggette a divieto di accesso agli impianti sportivi;
• non sussistano motivi ostativi sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica;
• non sussistano motivi ostativi sotto il profilo della salvaguardia della pubblica incolumità e della sicurezza antincendio.
• Il nulla osta potrà essere concesso anche per l’intera stagione ed essere revocato, fatte salve le prerogative della società che ha accordato l’autorizzazione, qualora uno o più appartenenti al gruppo vengono colpiti dal Daspo o si rendano responsabili di episodi di intemperanza o di violazioni previste dal Regolamento d’Uso. E’ comunque vietato esporre materiale che per dimensioni ostacoli la visibilità agli altri tifosi tanto da costringerli ad assumere la posizione eretta.
• L’U.S. PISTOIESE 1921 cui è demandata ogni attività di verifica inerente alla specifica materia, comunicherà per iscritto le determinazioni assunte al richiedente, con l’avviso che:
• il materiale autorizzato dovrà essere introdotto all’interno dell’impianto almeno un’ora prima dell’apertura dei cancelli, specificando il varco d’ingresso;
• il predetto materiale non potrà essere comunque esposto in spazi diversi da quelli indicati dalla società sportiva;
• non sarà consentito l’ingresso di materiale, ancorché autorizzato, dopo l’apertura al pubblico dei cancelli;
• gli striscioni potranno essere affissi esclusivamente nello spazio specificatamente assegnato dalla società, la quale dovrà quindi verificare il rispetto delle prescrizioni con proprio personale;
• l’esposizione di materiale diverso da quello autorizzato comporta l’immediata rimozione e l’allontanamento dall’impianto del/dei trasgressore/i cui potrà essere applicata la normativa in materia di divieto di accesso agli impianti sportivi, nonché, revocata l’autorizzazione all’esposizione dello striscione identificato del club di appartenenza;
• al termine del deflusso del pubblico il materiale autorizzato dovrà essere rimosso e, ove prescritto anche attraverso il sistema di comunicazione sonora dello stadio, ripresentato integralmente presso il varco indicato.

Nella circostanza si evidenzia che con Determinazione dell’Osservazione Nazionale sulle Manifestazioni Sportive n°26 del 30 maggio 2012 è stato istituito un apposito albo telematico degli striscioni consultabile sul sito dell’Osservatorio. Ciò significa che gli striscioni che potranno entrare presso tutti gli stadi siti sul territorio nazionale dovranno necessariamente figurare nel richiamato sito.
L’inserimento nella predetta pagina web consentirà di evitare che in occasione delle trasferte debba essere attivata la procedura autorizzatoria, trattandosi di striscioni già valutati ed approvati da parte del G.O.S. competente per territorio sia nei contenuti che nel materiale di costruzione che nelle dimensioni.
Al fine di snellire le procedure valutative, il tifoso che intenda portare in trasferta uno striscione già autorizzato ne darà comunicazione alla società sportiva che organizza l’evento entro le ore 19.00 del giorno antecedente la gara. La società sportiva trasmetterà senza ritardo la comunicazione al responsabile del G.O.S. per il prescritto parere, che deve intendersi acquisito qualora lo striscione sia già presente nell’albo degli striscioni e non vi siano motivi ostativi connessi alla struttura dell’impianto. L’U.S. PISTOIESE 1921 avrà cura di informare la tifoseria ospite circa le modalità di tempo e di luogo per l’apposizione degli stessi.

CONTROLLO SPETTATORI E MOTIVI DI ESPULSIONE DALL’IMPIANTO

27) Il club si riserva di espellere dallo stadio chiunque non rispetti il presente regolamento o la cui presenza all’interno possa essere considerata come una causa di pericolo o di disturbo per gli altri spettatori. Ciò può portare al ritiro da parte del club, senza rimborso alcuno, dell’abbonamento o del biglietto o ad altre azioni che il club si riserva di prendere in futuro.
28) Controllo degli spettatori con il sistema del pat-down
29) L’attività di prefiltraggio degli stewards potrà essere svolta effettuando il “sommario controllo” delle borse, degli oggetti portati al seguito e delle stesse persone, procedendo alla verifica attraverso la tecnica del pat-down (art. 1, comma 3, lettera a DM 28 luglio 2011) anche con l’uso di metal detector portatili. In caso di rifiuto da parte dello spettatore, sarà richiesto l’intervento di un operatore di Polizia ed il ripetuto rifiuto di sottoporsi al controllo costituirà violazione del regolamento d’uso dell’impianto, con conseguente sanzione amministrativa ed espulsione dallo stadio.

TRATTAMENTO DATI PERSONALI

30) Si segnala che lo stadio è controllato da un sistema di registrazione audio-video posizionato sia all’interno che all’esterno dell’impianto e i dati sono trattati secondo le disposizioni previste dal d.lgs.
196/2003 e dal D.M. 06/06/2005. Le immagini registrate saranno conservate per sette giorni successivi alla data dell’evento sportivo e cancellate a cura del responsabile del trattamento individuato dal club. Nel sottolineare che il trattamento dei dati personali è effettuato nel rispetto delle norme di legge si informa che il responsabile del trattamento è il Sig. NERI CRESCI.

ISTRUZIONI GENERALI DI SICUREZZA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI EMERGENZA

31) All’ingresso dell’impianto prendere immediatamente visione delle indicazioni delle vie di fuga.

Seguire le presenti istruzioni:
• mantenere la calma;
• seguire le istruzioni del più vicino addetto alla sicurezza;
• non cercare di portare via oggetti personali a rischio di rimanere intrappolati o di rallentare l’evacuazione;
• percorrere le vie di fuga nel senso indicato, in modo spedito, ma senza correre, togliendosi dai piedi le scarpe non idonee alla corretta capacità di camminare;
• in presenza di fiamme libere proteggere i capelli avvolgendoli con indumenti di lana, possibilmente bagnati, avendo cura di spogliarsi di indumenti in materiale acrilico;
• se i locali nei quali vi muovete per raggiungere la zona sicura sono invasi dal fumo, dovete spostarvi con estrema prudenza sempre lungo i muri, saggiando il pavimento, le scale ed i pianerottoli, prima di avventurarvi sopra, in particolare, se dovete percorrere delle scale, fatelo procedendo a ritroso ; questo vi permetterà di aumentare il piano di appoggio e di valutare l’integrità delle scale stesse nonché la presenza di eventuali ostacoli che potrebbero causare la vostra caduta;
• controllate la presenza di crepe lungo i muri: le crepe che si orientano in senso orizzontale sono più pericolose di quelle che invece sono orientate verticalmente, perché sono indice di sollecitazione delle mura verso l’esterno;
• non rientrate nell’area evacuata fino a quando ciò non sarà autorizzato da vigili del fuoco.
• Per motivi di sicurezza, nonché per osservanza alle vigenti normative, è inoltre vietato:
– sostare lungo le vie di esodo ed i percorsi di smistamento;
correre.

Il presente regolamento è soggetto a possibili variazioni conseguenti alla introduzione di nuove Leggi, Decreti o Regolamenti dettati dalle Autorità competenti o regole anche dettate dal Club.
Il regolamento è esposto preso le biglietterie e gli accessi dell’impianto sportivo e pubblicato integralmente sul sito internet ufficiale della Società Sportiva.

US PISTOIESE 1921

Striscioni e Coreografie

PROCEDURA STRISCIONI E COREOGRAFIE

La Società US Pistoiese 1921 ha istituito un servizio per le richieste di autorizzazione all’accesso e al posizionamento all’interno dello stadio di striscioni e/o coreografie per le gare interne.

STRISCIONI

La richiesta per gli striscioni va presentata compilando il modulo A e va inviata successivamente:

2) via mail all’indirizzo segreteria@uspistoiese1921.it  entro e non oltre i 8 giorni lavorativi precedenti la partita oggetto della richiesta.

Si precisa che l’US Pistoiese 1921 esaminerà le richieste pervenute rispettando l’ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento degli spazi disponibili.

Le richieste, debitamente compilate e corredate da tutta la documentazione necessaria, saranno sottoposte all’approvazione del G.O.S. (Gruppo Operativo di Sicurezza).

Le richieste che avranno ottenuto l’approvazione da parte del G.O.S. riceveranno dall’US Pistoiese 1921la conferma di avvenuta autorizzazione attraverso lo stesso mezzo (fax o mail) con cui sono state presentate. Si precisa che, in caso di mancata risposta, la richiesta è da considerarsi respinta.

I richiedenti autorizzati dovranno presentarsi almeno un’ora prima dell’apertura al pubblico dei cancelli e quindi indicativamente quattro ore prima dell’inizio della gara. Dopo tale orario non sarà più possibile entrare con lo striscione muniti di:

  • della comunicazione pervenuta.
  • tutte le eventuali documentazioni relative alla sicurezza antincendio presentate a seguito della richiesta.

Il richiedente autorizzato, espletati i controlli d’ingresso, sarà accompagnato per l’esposizione dello striscione dagli stewards nel punto corrispondente allo spazio assegnato.

Al termine della gara lo striscione dovrà essere rimosso e, ove richiesto dal personale incaricato o anche attraverso il sistema di comunicazione audio dello stadio, ripresentato integralmente presso ingresso indicato per l’entrata

Vi informiamo che analoga disciplina dovrà essere applicata per le bandiere fatte salve quelle riportanti solo i colori sociali e quelle degli stati rappresentati in campo. Le bandiere (“drappo di forma rettangolare, attaccato per uno dei lati più corti ad un’asta, quest’ultima se consentita dalla normativa vigente”) potranno entrare purchè di dimensioni non tali da impedire la visuale agli altri spettatori.

COREOGRAFIE

A seguito della disposizione emanata dall’Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni Sportive (Ministero dell’Interno) vi informiamo che per coreografia s’intende una rappresentazione composta o di piccole unità coordinate tra di loro, oppure un manufatto di grandi dimensioni, ovvero l’insieme di più striscioni connessi fisicamente tra di loro, così da coprire grandi porzioni di spalti, quindi sovrastanti centinaia di spettatori.

Procedura per ottenere l’autorizzazione

La richiesta per le coreografie va presentata compilando il modulo B e va inviata successivamente:

1) via fax al numero 050.80.59.600

2) via mail all’indirizzo segreteria@uspistoiese1921.it entro e non oltre i 8 giorni lavorativi precedenti la partita oggetto della richiesta.

Si precisa che l’ US Pistoiese 1921esaminerà le richieste pervenute rispettando l’ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento degli spazi disponibili.

Le richieste, debitamente compilate e corredate da tutta la documentazione necessaria, saranno sottoposte all’approvazione del G.O.S. (Gruppo Operativo di Sicurezza).

Le richieste che avranno ottenuto l’approvazione da parte del G.O.S. riceveranno dall’US Pistoiese 1921 la conferma di avvenuta autorizzazione attraverso lo stesso mezzo (fax o mail) con cui sono state presentate. Si precisa che, in caso di mancata risposta, la richiesta è da considerarsi respinta.

I richiedenti autorizzati dovranno presentarsi almeno un’ora prima dell’apertura al pubblico dei cancelli e quindi indicativamente quattro ore prima dell’inizio della gara. Dopo tale orario non sarà più possibile entrare con lo striscione muniti di

  • della comunicazione pervenuta.
  • tutte le eventuali documentazioni relative alla sicurezza antincendio presentate a seguito della richiesta.

Il richiedente autorizzato, espletati i controlli d’ingresso, sarà accompagnato per l’esposizione della coreografia dagli stewards nel punto corrispondente allo spazio assegnato.

Al termine della gara la coreografia (se riutilizzabile) dovrà essere rimossa e, ove richiesto dal personale incaricato o anche attraverso il sistema di comunicazione audio dello stadio, ripresentato integralmente presso il cancello dalla quale si è entrati

Vi ricordiamo che è fatto divieto introdurre all’interno dello stadio tamburi e altri mezzi di diffusione sonora.

Scarica il modulo qui