shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

News

Valerio Bertotto si presenta.

In una affollata Conferenza Stampa cui hanno partecipato anche il presidente Orazio Ferrari, il diggì Marco Ferrari, il diesse Nelso Ricci è stato presentato il nuovo tecnico arancione Valerio Bertotto: “sono arrivato in una società seria e ben organizzata ad allenare un gruppo sano. Ho molta fiducia di cogliere gli obbiettivi e non mi spaventa il poco tempo a disposizione” – ha detto l’ex capitano dell’Udinese. Dopo le parole di benvenuto e la presentazione del nuovo staff tecnico da parte di Orazio Ferrari, la parola è passata al direttore generale e al direttore sportivo, che hanno illustrato i motivi per i quali la scelta è andata verso Bertotto. Tutti i dirigenti intervenuti hanno espresso parole di gratitudine verso il tecnico esonerato, Massimiliano Alvini, oltrechè di sincero dispiacere per decisione assunta nei suoi confronti. “Sappiamo – ha detto Marco Ferrari – per come sono andate le cose in questo campionato, che ogni nostra decisione possa essere soggetta a critica, ma abbiamo ritenuto che la squadra possa trarre benefici dalla scelta operata. Con mister Alvini – ha aggiunto – abbiamo avuto un ottimo rapporto a livello personale, ne riconosciamo i meriti e il lavoro svolto. Adesso voltiamo pagina”. La parola è poi passata al diesse Nelso Ricci: “sono convinto – ha detto – che la persona scelta sia quella giusta, a me piacciono i tecnici di prospettiva. L’accordo è basato sulla reciproca stima, con l’auspicio di continuare a lungo”. Infine la parola è passata a mister Bertotto, al quale quasi tutti i giornalisti presenti hanno rivolto delle domande. L’allenatore si è mostrato molto sicuro e convinto di affrontare questa sfida, per nulla spaventato dal difficile compito che lo attende. “Per uscire dalle difficoltà – ha detto – servono la mente fredda e il cuore caldo. L’approccio psicologico all’impegno agonistico fa parte della mia cultura – ha affermato. Dobbiamo lavorare partita dopo partita, pensando ad un obiettivo alla volta”.