Un ventilatore “Arancione” per l’ospedale San Jacopo di Pistoia

La Us Pistoiese ha consegnato, stamani, all’Ospedale di Pistoia, un ventilatore polmonare. Alla breve, ma intensa cerimonia hanno presenziato per la Pistoiese: Orazio Ferrari, Marco Ferrari, Fondatori, Baccelli, il capitano Valiani e Fabio Dani, socio della Holding Arancione. In rappresentanza dell’ospedale, erano presenti, la direttrice, Lucilla Di Renzo, Leandro Barontini, direttore di Anestesia e Terapia Intensiva, e Leonardo Capecchi, della Direzione Sanitaria. Ha voluto esserci, anche il sindaco di Pistoia, Tomasi, accompagnato dal Capo di Gabinetto, Zuccherini. Si è incaricato della consegna, il presidente arancione, Orazio Ferrari. “Sono molto contenta – ha esordito la dottoressa Di Renzo nel ricevere il regalo, non solo per il valore dell’oggetto che la Pistoiese ci ha donato stamani e per la sua la grande utilità, ma anche perché prova che la città ci è vicina. Sentirsi meno soli a combattere la battaglia che stiamo affrontando, ci dà una bellissima sensazione. Alla Pistoiese va la nostra gratitudine”. Il dott. Barontini ha espresso notevole commozione e ringraziato la Pistoiese e la città: “sono molto orgoglioso – ha dichiarato – perché questi gesti dimostrano l’affetto verso l’ospedale. Se potessi abbraccerei tutti. Nello specifico esprimo particolare apprezzamento per la scelta di donare questo apparecchio, che è utilissimo per trattare le polmoniti da Covid -19, ma che resterà negli anni a disposizione per curare le persone, anche dopo l’emergenza Coronavirus. Questi gesti ci danno tanta forza”. “In accordo con l’Ospedale – dice Orazio Ferrari – abbiamo deciso di mettere in campo le nostre energie per acquistare uno strumento molto costoso, ma importante. Abbiamo fatto squadra: l’iniziativa ha coinvolto la Società, i giocatori, lo staff e il settore giovanile, oltre la Holding Arancione. Volevamo che lo Sport si facesse sentire in un momento come questo e sono orgoglioso per esserci riusciti. In ogni caso aspettiamo con ansia di tornare alla vita normale e speriamo che i segnali di miglioramento, che paiono esserci, ce lo consentano”. Parole elogiative sono arrivate anche dal sindaco, Tomasi: “è bello constatare che la Pistoiese, nonostante tutti i problemi del momento, ha voluto compiere un bel gesto verso l’ospedale. Devo dire che tutto il mondo sportivo merita un elogio particolare, per l’impegno e la partecipazione dimostrata in questa emergenza”. Fondatori, che con Marco Ferrari, per primo ha proposto al mondo arancione di giocare questa partita, ha dichiarato: “siamo contenti perché questa iniziativa unisce tutta la famiglia della Pistoiese. Per noi era importante che anche le quattrocento famiglie che roteano attorno alla Pistoiese potessero dimostrare una sensibilità e una solidarietà rispetto a ciò che sta accadendo, verso chi soffre e gli operatori sanitari, che stanno svolgendo un compito importantissimo, anzi fondamentale e ai quali va il nostro ringraziamento”. Il presidio sanitario messo a disposizione dalla Pistoiese, è un VENTILOGIC LS, un ventilatore polmonare di ultima generazione, prodotto dalla Sapio, ed acquistato tramite Logisan Spa, azienda che opera in Toscana e per la quale collabora un allenatore del settore giovanile orange.

La Us Pistoiese desidera ringraziare anche il dott. Renzo Berti, direttore del Dipartimento della Prevenzione, specialista in igiene e sanità pubblica, della Ausl Toscana Centro, per essersi adoperato con il dipartimento dell’Asl, nell’indicare il mezzo più utile e più urgente in questo momento, ma anche in futuro, per supportare la fase terapeutica delle patologie polmonari. Un apparecchio di questa importanza, come ha detto il dottor Barontini, fa comodo adesso, ma sarà utile anche dopo. Non è dunque un ausilio solo temporaneo, ma duraturo. L’oggetto, lo ricordiamo, è stato acquisito grazie al contributo della Società arancione, dei giocatori, dello staff tecnico, dei dirigenti della Prima squadra e del Settore giovanile e scuola calcio, dei soci della Holding arancione e dei genitori dei baby arancioni, che nonostante la sospensione dei campionati, hanno disputato una vera e propria gara di solidarietà.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *